La Visita Andrologica

La visita andrologica viene eseguito per verificare l’esistenza o per prevenire eventuali patologie dell’apparato sessuale maschile. La visita può rilevarsi imbarazzante ma non crea disturbo fisico al paziente

Ecco come si svolge la visita andrologica

PRIMA FASE (anamnesi medica e counseling sessuologico)

L’andrologo ascolata la problematica che il paziente gli riferisce e procede con il raccogliere il maggior numero di informazioni possibili

  • sulla storia clinica (patologie pregresse o in atto, interventi chirurgici, assunzione di farmaci etc.)
  • sul suo stile di vita: ponendo domande circa l’alimentazione, il consumo di alcol, di fumo e di droghe
  • si valuta inoltre il livello di sedentarietà, di attività fisica e sportiva e la professione.

Queste informazioni sono di notevole importanza per conoscere eventuali fattori di rischio correlati o meno con la patologia che ha portato il paziente a richiedere la visita andrologica.

Nel corso del COUNSELING SESSUOLOGICO insieme al paziente verranno prese in considerazione tutte quelle  problematiche individuali o di coppia che limitano il benessere sessuale del paziente

SECONDA FASE (Svolgimento della visita)

L’ISPEZIONE  visiva valutando la normale rappresentazione dei caratteri sessuali secondari (distribuzione della peluria corporea, distribuzione del grasso corporeo, rapporto massa magra e massa grassa, morfologia delle ghiandole mammarie) valutazione della cute dello scroto e del pene é di eventuali anomalie anatomiche dei genitali.

Dopo l’ispezione del pene e dei testicoli si procederà alla PALPAZIONE di entrambi i testicoli per valutare eventuale presenza di criticità o di irregolarità della superficie degli organi, di entrambi  i funicoli spermatici e del pene.

 L’  ECOGRAFIA

Per completare la visita manuale palpatoria  l’andrologo si avvale anche dell’ecografia. Si tratta di un esame diagnostico non invasivo che utilizza gli ultrasuoni (onde sonore ad alta frequenza innocue per il corpo umano e i suoi tessuti)  finalizzate a  “vedere” e studiare l’apparato genitale maschile.

 

   LA VISITA DELLA PROSTATA

La visita medica andrologica si completa, quando necessario con  l’esame della ghiandola prostatica(esplorazione rettale)

 

 

 

TERZA FASE (la RESTITUZIONE)

In quest’ultima fase lo specialista discutte insieme al paziente quanto è emerso nel corso della visita. Si programmano eventuali ulteriori accertamenti diagnostici oppure si elabora una strategia terapeutica finalizzata alla risoluzione del problema.

La visita si conclude con un referto medico

 

Facebooktwitterredditpinterestlinkedinmail